visita medica orecchio

Le patologie dell'orecchio

Le più comuni malattie dell'orecchio unitamente a sintomi e cause

L'orecchio e le principali patologie

Le malattie dell’orecchio possono essere particolarmente preoccupanti perché causano dolore e disagio, e nei casi peggiori anche a gravi problemi di udito. Sono spesso causate da un’infezione, ma esistono altre condizioni che possono influenzare l’udito o l’equilibrio. l’individuazione precoce dei sintomi è fondamentale per un trattamento corretto e immediato, al fine di prevenire eventuali complicazioni che potrebbero derivare da una malattia.

orecchio
  • Otiti
  • Mastoiditi
  • Colesteatoma
  • Vertigini
  • Tumori
otite

Otite

Tale patologia è spesso caratterizzata dalla permanenza di una perforazione della membrana timpanica, dalla ricorrenza di episodi di otorrea e da ipoacusia persistente; di solito non è più presente il dolore

L’otite media acuta è un processo infiammatorio a carico dell’orecchio medio, causato da virus o da batteri che raggiungono questa sede attraverso:

  • tuba di Eustachio, in corso di adenoiditi (nel bambino) o riniti e/o sinusiti (nell’adulto);
  • via ematica, durante malattie sistemiche (sindromi influenzali, morbillo, scarlattina);
  • perforazioni o lacerazioni della Membrana Timpanica

La sintomatologia è caratterizzata da otalgia (mal d’orecchio), ipoacusia, talvolta febbre. La comparsa di secrezione (otorrea) fa cessare l’otalgia.

Un adeguato trattamento medico porta alla guarigione senza reliquati.

Tuttavia, il quadro clinico può talvolta complicarsi con il propagarsi dell’infiammazione/infezione all’apofisi ossea situata immediatamente dietro l’orecchio (mastoide) provocando una mastoidite. Tale evoluzione può richiedere un intervento chirurgico in urgenza per scongiurare altre complicanze più gravi come: ascesso cerebrale, ascesso cerebellare, meningite, tromboflebite di grossi vasi venosi endocranici, petrosite, paralisi del nervo facciale, fistole labirintiche.

Una particolare aggressività dei germi e/o un trattamento terapeutico inadeguato, per tipologia di antibiotico utilizzato o per durata della terapia, può favorire la persistenza di una malattia flogistica dell’orecchio trasformandola in otite cronica. Tale patologia è spesso caratterizzata dalla permanenza di una perforazione della membrana timpanica, dalla ricorrenza di episodi di otorrea e da ipoacusia persistente; di solito non è più presente il dolore. La terapia di queste forme di otite cronica è più spesso chirurgica.

Il Colesteatoma è una complicanza dell’otite cronica; ha l’aspetto di una neoformazione bianco-madraperlaceo costituita da lamine di cellule epiteliali che si embricano  tra loro; per questo il colesteatoma viene anche definito, in maniera semplice ma efficace, “pelle fuori posto”. Si localizza nell’orecchio medio e/o nella mastoide e ha la tendenza ad espandersi progressivamente a spese delle strutture ossee che lo circondano, grazie alla sua attività “erosiva”. Dopo la diagnosi, che deve essere tempestiva, la terapia è esclusivamente chirurgica.